Lettori fissi

mercoledì 12 febbraio 2014

L'HOBBISTA CREATIVA COMPULSIVA

Lei che i primi sintomi li manifesta sin dall'infanzia... 
Anche all'epoca in cui non esisteva internet e la possibilità di fare acquisti su Ebay, non c'erano fiere della creatività e nemmeno negozi specializzati; al massimo si poteva trovare una merceria sotto casa o una cartoleria con matite, qualche cartoncino colorato e quelle bellissime figurine ricoperte di brillantini... Talmente belle e "preziose" che si tenevano in una scatola senza usarle!
 L'Hobbista Seriale in tenera età riusciva a creare procurandosi ogni sorta di materiale, tipo delle piccole piastrelline azzurre che rivestivano l'interno della vasca dei pesci rossi in giardino. Difficilissime da staccare, ma con tenacia e costanza ce la si poteva fare, lasciando i poveri pesci senza buona parte del loro sfondo azzurrino...
Le piastrelline azzurro chiaro leggermente irridescenti... Sono proprio loro!
Si può essere creative anche nelle marachelle, perchè se si è golose di carote e nell'orto dietro casa ce ne sono diverse file, si possono mangiare di nascosto, salvo ri-piantare l'ultimo pezzetto con ancora il ciuffo attaccato, così la fila non si scompone...  
Immagine presa dal Web
Crescendo poi i sintomi peggiorano notevolmente, ci si può spingere fino a decorare il sottobanco della scuola... La cartella, il diario e le proprie scarpe da ginnastica con applicazioni fluò da far rabbrividire... 
Se poi alle superiori si frequenta una Scuola D'Arte, in casa non si salva più nulla, tutto è decorato, ghirigorato, dotato di applicazioni o trasformato, fino a dipingere con gli acrilici il coperchio della pattumiera!
Soffrire di H.C.C. è una cosa seria, credetemi, può anche causare effetti negativi sulla normale vita di coppia...
Perchè una hobbista seria, non butta nulla, tutto si può riciclare o trasformare: le scatole, i barattoli, le bustine del the...
I bottoni, i filati, i giornali, le stringhe delle scarpe...
I vasetti di vetro, quelli dello yogurt, le bucce degli agrumi tagliate con le formine dei biscotti e fatte seccare...
Le cialde del caffè, i sacchetti di carta, i tappi di plastica, i collant rotti... 
Portacellulare creato con un paio di collant
E quando pensa alle vacanze, lo fa organizzando anche un tour nei negozi scelti ad hoc del luogo, e van bene tutti: mercerie, negozi di scrap, rivenditori di stoffe o filati da ricamo; se in Hotel buttano i vasetti delle mini-marmellate, si arriva al punto di elemosinarli con qualsiasi scusa... Insomma non si può tornare a casa senza un "bottino" e qualche idea nuova!
Vasetti carpiti a Nizza e riciclati con marmellata di arance hand-made
Lei che al ristorante non può fare a meno di modellare delle roselline con la mollica del pane e con i tappi di sughero ci fa i ciondoli delle collane... 
Ne conosco una poi che prima di sbucciare un mandarino riesce a modellargli orecchie, occhi e naso per poi prensentarti il suo "Mandariglio" (metà mandarino e metà coniglio!)  
Il "Mandariglio"

Ma l'apoteosi, l'apice della follia del: "O tutto o niente", del: "Ti saluto ora, guardami bene perchè non sò quando e a che ora rientro a casa"; l'assoluto annientamento mentale che può rasentare il suicidio di massa si ha durante le Fiere Creative, il Paese dei Balocchi di ogni Hobbista Compulsiva, che entra dicendo e spergiurando: "Quest'anno non compro nulla, ho la casa piena di ogni sorta di materiale... Guardo soltanto" con le pupille già dilatate e con il sospetto che se lo farà davvero potrebbe non riprendersi mai più in vita sua; dove ogni rimorso è bandito e il bancomat brandito a mò di spada...
Ma, in fondo, che c'è di male? Possiamo smettere quando vogliamo... vero?
Ora vado a gustarmi un buon caffè, naturalmente le cialdine colorate le metto da parte... Ah, amorrreeee ci sono anche dei biscottini che ho comprato questa mattina!
Ma... Cavolo, che bella quella carta argentea lucida-lucida... Oddio, mica la butteremo... Aspetta, la apro io senza stracciarla che poi miserveeee...
Che ci faccio? 
Ma una finestra, che domande!
Siete curiose? 
Allora vi aspetto al prossimo post!


P.S.: Papà, guarda che ogni riferimento a fatti accaduti, cose, luoghi, carote e vasche dei pesci rossi è puramente casuale... ;)

34 commenti:

  1. MI FAI MORIRE!!!! E ti vedo, ma come ti vedo....sembri una serial killer...fai quasi paura....chi ti incontra alle Fiere si scansa per non essere vittima tua o della tua "spada"......togliere le piastrelline ai pesci, tagliare le cime delle carotine......una serial killer a te ti fa un baffo!
    BACI!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma... Dici che si è capito che stavo parlando di meeee????
      Nooooo.... ;)

      Elimina
  2. ..ma...ma...ma...tutte queste premesse che siano un prologo del riciclo di quanto so...uhmmmmmm...direi che.... FUOCHINO!!! Uhhhh..."hobbista"... magari "creativa". ;) Ciaoooooo. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mai dire mai... Chissà cosa riuscirò a combinare nel poco tempo che ho!

      Elimina
  3. ...."Ti saluto ora, guardami bene perchè non sò quando e a che ora rientro a casa"...questa ci pare di averla già sentita!!!! :))))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si... Pare anche a me... E chissà quante altre volte la pronuncerò di nuovo! Ahahah...

      Elimina
  4. Puramente casuale direi che.....non lo è!!!!
    In quanto alle hobbiste compulsive...penso che se le AUSL mettessero uno sportello amico, quanti mariti accompagnerebbero le proprie mogli compreso il mio!!!!!!
    Un bacio!!!
    Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, hai ragione... Mi auguro solo che al di là dello sportello ci sia una donna, malata di hobby pure lei!

      Elimina
  5. Io uguale!!! tranne per il fatto che i miei non mi hanno lasciato fare l'artistico! dici che sono grave?
    Sempre bellissimi i tuoi post!
    Emanuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Emanuela, se sei così senza aver frequentato l'artistico sei grave davvero... Mi dispiace, ma non c'è cura ne rimedio!
      Un bacioooo....

      Elimina
  6. Posso smettere quando voglio. Posso smettere quando voglioooooooooo!!!!!!
    Di solito riconoscere il proprio stato è il primo passo per la guarigione, ma nel nostro caso mi sa che è irrecuperabile, ahahahah :D
    baci!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irrecuperabilissime... Ma felici, vero? ;)

      Elimina
  7. Ciao sono Flaminia,
    vorrei sapere se andrai a Vicenza ?
    Mi puoi contattare privatamente ? Grazie in anticipo.
    Fla

    littlebear.mylittlebear@gmail.com

    RispondiElimina
  8. Certo, cara Elena, soffrire di H.C.C. è tremendamente ... FANTASTICO!!! Mi dispiace per i "dottori di casa" che mi visitano ogni tanto e mi facciano notare che -nonostante le loro cure- NON ci sono MIGLIORAMENTI!!!!!!!!!!!
    N.B.: hai visto cosa ne ho fatto io a Natale delle carte argentate di confezioni? Sono curiosissima di vedere cosa combinerai tu =)
    N.B.: qualche volta ho tentato di "sfoltire" le mie raccolte di tutto e SEMPRE mi è successo, dopo qualche giorno, di accorgermi che mi serviva proprio quella cosa che avevo deciso di eliminare =/
    Che sia un altro dei sintomi dell'H.C.C.???????????
    BACIONIIIIIIII

    RispondiElimina
  9. Hai ragione, è davvero così! Quando elimino qualcosa, subito dopo mi accorgo che mi sarebbe servita assolutissimamente... Che rabbia!

    RispondiElimina
  10. Siamo simili per tanti aspetti...ma tu sei fantastica davvero!! <3 Niki

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci unisce la passione per la creatività vera, cara Naty e la sensibilità che portiamo nel cuore!

      Elimina
  11. Ma parlavi di me, vero Elena? :)
    Anch'io avevo cose bellissime e solo per me preziose, che non usavo e mettevo da parte, trovavo "ingredienti" strani per i miei pasticci, ancora adesso tengo vasi vasetti e contenitori vari, carte, fili, bottoni, insomma il tanto decantato decluttering non riesco a farlo, ma assolutamente dovrei. L'unica cosa che ci differenzia è che a me manca l'orto con le carote... ;)
    Ma poi, dai, abbiamo fatto una fiera di Bergamo insieme, tutto sommato sei bravissima, non è vero che brandisci il bancomat come una spada... Perchè tu sei creativa, guardi e rielabori a modo tuo, mentre io sono più un'esecutrice. Avrei fatto anch'io la scuola d'arte, ero già iscritta, ma per motivi vari non ho potuto e ho fatto altro... e ancora mi dispiace!
    Ciao Elena, un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara, cara la mia Heidi, a quella fiera sono stata bravissima perchè era il terzo giorno che ci andavo!!! Tu non hai idea del bottino che avevo già portato a casa nei giorni precedenti...
      Ah, e poi ci sono tornata anche il giorno dopo, guarda, se distribuissero i punti come al supermercato, avrei la tesserina piena! Ahahaha... Un bacioneeeee....

      Elimina
  12. ..... anche io.... anche al supermercato guardo il barattolino dello yogurt, la bottiglia di succo, un vasetto..... con occhi diversi da chi fa semplicemente la ... spesa http://cuorieperline.blogspot.it/search/label/Riciclo%20creativo
    Annamaria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Annamaria... Che dici, fondiamo un Club? ;)

      Elimina
  13. mi ritrovo in questo post...
    ho la casa piena di qualsiasi oggetto dalle forme fantasiose
    ho riciclato collant, cialdine del caffè, ogni tipo di vasetto, nastrini, bottoni, perline, scatole di cartone, vecchie carte, giornali,bottoni, persino le carte di caramella, tengo i francobolli per il decoupage, rubo le saponette dagli hotel, conservo i sottobicchieri del bar , tappi di sughero insomma mi rendo conto di quanti cjapa pouvre sono sparsi per casa
    tutto mi affascina, scatta l'idea, la metto in pratica e con il passare del tempo mi stufo e creo altro
    penso di avere una malattia ... crisi da cjapa pouvre
    ma non c'è cura per questa rara malattia
    o no, se qualcuno sa prescrivermi la cura la seguirò con piacere
    bellissimo post, scritto molto bene

    un bacio Valeria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah! Meno male che non sono l'unica ad avere la casa piena di cjapa pouvre...
      Sei una consolazione Valeria!

      Elimina
  14. Elena, ma dove sei stata tutti questi anni? Come mai due come noi si sono incontrate solo ora? Che dire di più? Niente. Posso solo iscrivermi tra i tuoi follower, e così non perdermi più niente, né di quello che dici (ahahaha!) nè di quello che fai (ohhhh!). A presto, da me o da te!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io son qui già da un bel pò, combinandone di ogni colore naturalmente!
      Mi fa davvero piacere averti conosciuta, a prestissimo allora!

      Elimina
  15. ciao grazie per essere passata da me, ricambio con piacere. buona serata

    RispondiElimina
  16. Ciao Elena, ti ringrazio per la visita al mio blog, ricambio molto volentieri e m'iscrivo ai tuoi lettori.
    M'interesso anch'io al mondo creativo e a tutto ciò che viene fatto a mano! Ciao e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  17. Ciao Elena, è un piacere conoscerti!
    Ely & Da

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me! I tuoi lavori in legno sono spettacolari!

      Elimina
  18. Eh, sono parecchio compulsiva pure io. Mia mamma mi sgridava sempre..."...non si comincia un lavoro nuovo se non si è finito il primo..."...
    Quanto mi faceva arrabbiare!
    Ora ho due lavori ai ferri a metà più uno all'uncinetto, lavori in cartoncino per mio nipote da rifinire, un dipinto ad olio sul cavalletto...
    E sto-da-dio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, cara Sandra... Non sei messa bene nemmeno tu! Benvenuta nel club delle compulsive felici!!!!

      Elimina
  19. Mente inquieta, eso me es familiar... Saludos desde España!

    RispondiElimina